in evidenza »

Sovranismo e razzismo. Che fare?

febbraio 10, 2017 – 2:43 pm |

Si può essere sovranisti in campo economico (no all’euro e all’Unione europea, sì a svalutazioni competitive e protezionismo, ecc.) senza essere anche razzisti in campo politico? Il razzismo di oggi si manifesta innanzitutto nell’atteggiamento e nelle misure da adottare nei confronti dei profughi: il principale problema politico, oltre che sociale e culturale, che l’Europa, e con essa l’Italia, si trova …

Leggi l'articolo completo »

Contributi »

Riconquistare autonomia monetaria

settembre 13, 2016 – 12:36 pm |

Non viviamo più da tempo in un’economia di sussistenza, dove ogni comunità si sostenta con beni prodotti al proprio interno. Oggi cibo, energia, casa e altri fattori essenziali alla vita civile come salute, istruzione, assistenza, mobilità si comprano; oppure possono essere forniti dallo Stato, che a sua volta li paga con il ricavato delle nostre imposte. Senza denaro anche la cosiddetta “nuda vita” si ferma. Leggi l’articolo completo »

La sovranità dell’accoglienza

settembre 9, 2016 – 4:04 pm |

Dissento radicalmente da Stefano Fassina (La sinistra nella morsa del Liberismo, il manifesto del 2.9.) secondo cui: “il demos europeo non esiste. Il demos è nazionale per radici culturali, storiche e sociali. La democrazia o è nazionale o non è”. Per questo non posso che concordare con la critica che Ianis Varoufakis muove a quelle stesse posizioni (Europeisti contro gli …

Lavorare tutti, italiani e migranti. Ricostruiamo l’italia insieme a profughi e migranti

agosto 26, 2016 – 12:59 am |

L’Italia, la parte più bella e più vera del suo territorio e delle sue comunità, si sta disfando. Manca la manutenzione, quella ordinaria e quella straordinaria. I danni e le vittime, i lutti e i costi provocati dall’ultimo terremoto ne sono solo l’ennesima conferma. Con venticinque milioni di abitanti che vivono in zone ad alto rischio sismico, niente è stato …

L’accoglienza è la nuova frontiera

agosto 26, 2016 – 12:49 am |

La globalizzazione non è solo “libera” circolazione di capitali, merci e informazioni (ma non di persone, verso cui si sono moltiplicati i divieti). Oltre al suo risvolto “esterno”, internazionale, la globalizzazione ne ha uno “interno”, locale e personale. E’ il primato incondizionato della competitività: il totem di governi, finanza, manager, economisti. Non concorrenza tra operatori su un piede di parità, …

Come si crea il nemico in casa

agosto 10, 2016 – 3:31 pm | Un commento

Dal razzismo nessuno è immune. Lo succhiamo con il latte materno. Lo assorbiamo con l’aria che respiriamo. Lo pratichiamo in forme spesso inconsapevoli. Per liberarcene ci vuole attenzione alle parole che usiamo e agli atti che compiamo. Non essere razzisti non è uno stato “naturale”; è il frutto di una continua autoeducazione. E’ come con la cultura patriarcale, a cui …

L’Unione Europa si sgretola, prigioniera dei suoi mali. Ma senza Europa il cambiamento non è possibile

giugno 27, 2016 – 3:39 pm |

Non è ancora il colpo di grazia, ma sicuramente il voto che ha deciso l’uscita del Regno Unito è una tappa decisiva verso la dissoluzione dell’Unione europea. Un esito irreversibile che mette all’ordine del giorno la sua ricostruzione su basi completamente nuove: una sua “rifondazione”. Perché è chiaro che in un mondo globalizzato non c’è alcuno spazio per l’autonomia politica …

Il gioco crudele del Migration compact

giugno 6, 2016 – 3:58 pm |

Con la “strepitosa” (come dice lui) proposta del Migration compact – prelevata peraltro di peso da un documento elaborato dallo staff della sua affiliata Federica Mogherini, alto rappresentante per la politica estera dell’Unione europea – Renzi sostiene di aver trovato la soluzione per bloccare il flusso dei profughi provenienti dall’Africa. Si tratta non solo di pagare i governi degli Stati …

Ancora sul Migration Compact

maggio 31, 2016 – 3:55 pm |

Cresce nella governance dell’Unione lo stato confusionale sul problema dei profughi, e non solo. Otto anni di austerity non hanno dato ai cittadini europei nessuno dei risultati promessi, ma i suoi fautori non possono ammetterlo: così si barcamenano tra “flessibilità”, sforamenti dei deficit e moneta facile senza ottenere il minimo effetto su occupazione, redditi, investimenti.

Il cinico bluff del Migration compact

maggio 30, 2016 – 3:30 pm |

La questione dei profughi è salita di livello, sbarcando in Giappone, al tavolo del G7, come questione centrale per il futuro del pianeta. Non poteva andare diversamente. L’Austria ha mostrato una popolazione spaccata esattamente a metà tra chi vuole respingerli e chi accoglierli: una divisione che taglia verticalmente partiti, culture, religioni, classi sociali e divide tra loro gli Stati in …

Conoscenza. Insieme per la casa comune, intervento al convegno promosso dal MEIC.

maggio 24, 2016 – 6:21 pm |

E’ in corso da alcuni decenni un processo di riavvicinamento tra alcuni ambiti disciplinari, a cui corrispondono altrettanti approcci a diversi aspetti fondamentali del reale che, insieme, segnalano lo sviluppo di una svolta culturale di carattere epocale. Epocale è una svolta che accompagna il passaggio da un’epoca all’altra, ciascuna delle quali viene individuata attraverso la predominanza di uno o più …

Come l’Europa protegge i confini

maggio 20, 2016 – 6:27 pm |

“Sia le politiche climatiche che le politiche migratorie sono beni pubblici comuni, e per essere più efficaci possibile hanno bisogno di risorse comuni”. Con queste parole, che concludono un articolo su Affari e finanza (Repubblica, 2.5), Guntram Wolff, direttore del Bruegel Institut, propone di finanziare con una tassa sulle emissioni carboniche oltre alla conversione energetica anche “controlli comuni alle frontiere …